Naxos

"Naxos è un'isola strategica, ricca di tradizioni e belle spiagge, ed una storia gloriosa dipinta dal fascino della mitologia. Un’isola grande che ha tanto da offrire, dalle oltre 500 chiese da visitare, ad una vacanza tra relax e vita notturna"

Naxos (detta anche Nasso), isola del mito di Arianna, è la più grande e la più fertile delle Cicladi. Tra famose località turistiche, spiagge isolate, villaggi caratteristici, siti storici e un monte alto più di 1000 metri trovano spazio anche coltivazioni di ulivi, vigneti, fichi, limoni e patate. Un tempo centro importantissimo delle civiltà greca e bizantina, è oggi una delle 4 isole greche più famose e visitate assieme a Santorini, Mykonos e Paros. Quest’isola meravigliosa è certamente perfetta per una romantica vacanza di coppia, ma anche per cuori solitari: gli ottimi vini prodotti sull’isola vengono considerati efficaci antidoti contro il mal d’amore fin dai tempi antichissimi di Arianna… Il finale della sua storia – scopritelo in fondo a questa pagina – è più che lieto, così come sarà la vostra vacanza a Naxos.

Naxos è una delle isole greche con aeroporto ma non è internazionale, quindi non puoi raggiungerla con volo diretto dall’Italia. Il modo più veloce per raggiungere Naxos dall’Italia è con un volo diretto a Santorini o a Mykonos e da lì imbarcarsi su uno dei tanti traghetti per Naxos. Altrimenti se non vuoi prendere il traghetto, puoi optare per un volo diretto ad Atene e da lì prendere un secondo volo interno per Naxos.

Arrivare a Naxos in aereo o in traghetto

Naxos è un’isola che fa parte di un interessante crocevia di traghetti, quindi non preoccuparti se non puoi arrivarci con un volo diretto: ti basterà atterrare a Mykonos o Santorini ma anche ad Atene, e arriverai comodamente e in poco tempo a Naxos. Inoltre è stato appena introdotto un nuovo traghetto il “Thunder” della Fast Ferries che farà questo percorso: partenza dal Pireo ore 12, prima tappa Syros ore 14:45, secondo stop Mykonos ore 15:35 e arrivo a Naxos ore 16:40.

Il Thunder ha introdotto anche una nuova corsa per il ritorno. Partenza da Naxos alle ore 17:00 con arrivo a Mykonos alle 18:05, successivo stop a Syros alle 18:55 e ultima fermata al porto del Pireo alle ore 21:40.

Un’ottima notizia questa, in quanto viene introdotto un nuovo collegamento veloce comodo anche per il collegamento da Atene, che rimane una valida alternativa al volo interno: ti ricordiamo ancora che Naxos è dotata di aeroporto ma che accoglie solo voli interni.

Raggiungere Naxos da Mykonos

Oltre al collegamento citato sopra, Mykonos e Naxos sono collegate quotidianamente dalla linea di traghetti interni. Una volta atterrato all’aeroporto internazionale di Mykonos, puoi imbarcarti su un traghetto per Naxos. Il viaggio con aliscafo dura circa 40 minuti, mentre se scegli il traghetto lento che trasporta le auto, impiegherai oltre 2 ore. Pianificando il tuo viaggio a Naxos, calcola molto bene i tempi necessari agli spostamenti tra aeroporto e porto. A Mykonos questo tragitto è servito quasi esclusivamente da taxi e autisti privati. Specie nei mesi di alta stagione molti turisti affollano le banchine dei taxi e potresti non riuscire a raggiungere in tempo il porto se non consideri un buon lasso di tempo.

Se proprio dovessi perdere il traghetto Mykonos-Naxos o se gli orari non sono per te congeniali, valuta anche il traghetto Mykonos-Paros che fa scalo a Naxos.

Raggiungere Naxos da Santorini

L’opzione del volo diretto a Santorini e poi traghetto per Naxos è l’altra possibilità per raggiungere Naxos nel minor tempo possibile dall’Italia: considera anche di fare un giro per l’isola se avrai molto tempo tra l’arrivo a Santorini e la ripartenza per Naxos. Sull’isola ci sono diversi punti per il deposito bagagli. Però, rispetto al tragitto via Mykonos, raggiungere Naxos da Santorini risulta un po’ meno vantaggioso. Gli aerei  sono più costostosi, specie nei mesi estivi, ma soprattutto spostarsi dall’aeroporto al porto è più complicato e il tempo di percorrenza del traghetto è superiore (circa 2 ore). In buona sostanza, a meno che tu non abbia pianificato di rimanere a Santorini qualche giorno, ti consigliamo di raggiungere Naxos via Mykonos.

Raggiungere Naxos da Atene con il traghetto

Se i voli Atene-Naxos sono troppo cari, o se i posti sono esauriti, puoi optare per il traghetto Atene-Naxos. Informatevi sempre sugli orari dei traghetti, per evitare il pernottamento nella capitale, anche se potrebbe essere una buona opportunità di visitare Atene, anzi, potreste pianificarlo. Puoi raggiungere comodamente in metropolitana il Pireo (viaggio circa 1h). A quel punto i traghetti Pireo-Naxos copriranno la distanza in 5h e 20 minuti se scegliete la soluzione più lenta, o circa 3h per l’aliscafo. I costi del traghetto per Naxos sono: traghetto lento € 37,00; aliscafo € 48,00. Altra possibilità è imbarcarsi dal porto di Rafina.

Le spiagge caraibiche di Naxos sono uno dei vanti dell’isola. Il turismo internazionale è attratto da Naxos proprio per le spiagge lunghe, ampie, di sabbia bianca con un mare cristallino e fondali bassi: un sogno mediterraneo. Troverete quasi sempre spiagge sabbiose o composte da ghiaia fine. Tutta la costa offre angoli di paradiso, devi fare i conti solo con la tua voglia di spostarti da un capo all’altro dell’isola per scegliere la spiaggia del giorno: attrezzata, libera, frequentata o solitaria.

Spiaggia di Abrami

Spiaggia sabbiosa e appartata, non attrezzata. Gli alberi della macchia mediterranea lambiscono la sabbia e puoi ripararti dal caldo torrido all’ombra delle fronde. Un angolino per sfuggire al caos di spiagge più affollate. Qui il fondale però è subito profondo, ma senza nessun pericolo per chi sa nuotare.

Spiaggia di Agia Anna

Agia Anna è la prosecuzione della spiaggia di Agios Prokopios. Lunga e sabbiosa e con fondali che degradano dolcemente. L’arenile non è molto profondo, ma è molto ben servito da bar, taverne e molti stabilimenti. Piuttosto affollata nei mesi estivi di maggiore afflusso turistico. Si tratta della spiaggia del centro abitato con molte strutture ricettive, quindi è possibile trovarla piena anche in periodi di media e bassa stagione.

Spiaggia Agios Georgios

La spiaggia della Chora, di certo una delle più famose e frequentate. Di sabbia fine, è una spiaggia molto ben attrezzata con diversi stabilimenti lungo tutta la spiaggia. Luogo ideale per praticare sport acquatici: noleggi di attrezzature per esperti o scuole di surf e altro per i principianti o per chi volesse migliorare la propria tecnica.

Spiaggia di Agios Prokopios

A soli 5 km di distanza dalla Chora questa lunghissima spiaggia di sabbia bianca, molto ampia. Offre numerosi servizi, ombrelloni e taverne dove sostare per un pranzo veloce o una lunga pausa caffè. La prima parte è attrezzata e assai fraquentata, come anche il primo tratto di spiaggia libera. Vi consigliamo di non arrivare dopo le 11:30 del mattino se volete scegliere un posto buono per piazzare l’ombrellone. C’è un grandissimo e comodo parcheggio che gira tutto intorno alla salina retrostante la spiaggia. Il fondale non è bassissimo, ma non pericoloso per bambini che non sanno nuotare, ma sempre sotto la supervisione dei genitori. Se vuoi spingerti oltre, continuando a camminare, inizia un lungo tratto di spiaggia libera dove alcuni turisti praticano naturismo. A Prokopio, oltre alle tante attività di sport acquatici e intrattenimento promosso dagli stabilimenti, c’è la star indiscussa della spiaggia: l’omino delle ciambelle dolci. Personaggio diffuso un po’ in tutte le spiagge della Grecia, paniere in testa con ottime ciambelle fritte ricoperte di zucchero (λουκουμάδες παραλίας, letteralmente ciambelle da spiaggia),  ma quello di Prokopio è uno dei più famosi. Al suo richiamo “Dunats!” tutti accorrono.

Spiaggia di Aliko

Più che di un’unica spiaggia, si tratta di numerose calette, la maggior parte a fondo roccioso e alcune di sabbia grossa. Dal promontorio di Aliko si vede la vicina Paros, Iraklia a sud e in lontananza Ios. Da qui la strada sterrata finisce lasciando il passo a una natura sempre più selvaggia, ancora poco battuta dal turismo di massa. Ovviamente parliamo di tratti di spiaggia non attrezzata.

Spiaggia di Amitis

Questa piccola spiaggia a nord della Chora è pressoché deserta e spesso battuta dai venti. Consifìgliata se vuoi esplorare l’isola al completo o se sei alla ricerca di un luogo tranquillo dove praticare wind surf o kyte surf.

Spiaggia di Apollonas

Siamo sul versante est, il tratto di costa meno frequentato dal turismo internazionale. La spiaggia è di sabbia mista a ciottoli. Trovandosi nei pressi del paese omonimo (quello dei Kouros), la spiaggia di Apollonas ha molti servizi, ma non pensate alla folla di Agia Anna. Qui le taverne servono pesce appena pescato e l’atmosfera è decisamente più rilassata che dalla parte opposta dell’isola.

Spiaggia di Kalandos

Rimaniamo sulla costa ests con i suoi paesaggi tranquilli e meno antropizzati. Kalandos è la spiaggia più a sud di Naxox. Raggiungibile solo in auto o in scooter, non è servita da autobus e dista circa 40 Km dalla Chora. Se vuoi trascorrere una giornata lontano da tutto e da tutti questo è il posto giusto. Non ci sono bar, taverne né tantomeno lettinio ombrelloni. Neppure il vento vi disturberà perché è ben protetta dai venti. Non aspettatevi però la solita spiaggia caraibica. Qui la sabbia è più scura e il mare, pur essendo limpido, non ha il classico colore turchese. Be’, se fosse una spiaggia d’incanto, non sarebbe così poco battuta.

Spiaggia di Kastraki

Man mano che ci si allontana dal porto di Chora le spiagge sono sempre meno affollate e con meno strutture. Tuttavia, è qui che vieni per goderti il mare e niente altro. Kastraki è un’ampia spiaggia di sabbia bianca e mare meraviglioso, ideale solo se non soffri il Meltemi. La spiaggia è molto esposta al vento e per questo non sempre è la scelta perfetta per un’intera giornata, specie quando il vento rinforza e spesso non ti consente proprio di rimenere, a meno che tu non faccia surf, in quel caso diventerà la tua preferita. Quando le folate di vento sono sopportabili, Kastraki è la spiaggia dove rillassarsi lontani da turisti chiassosi. Ci sono anche due ottime taverne, non proprio vicine alla spiaggia, ma a portata di gambe.

Spiaggia di Maragas e Plaka

Ancora più a sud del versante ovest trovate Marangas e Plaka. Due spiagge grandi, sabbiose e in alcuni tratti alberate. Troverai  sia aree attrezzate che zone libere. L’area libera di Maragas è la spiaggia di Naxos più nota per il naturismo. Plaka è la prosecuzione della prima, più grande e più conosciuta, con deliziose taverne a conduzione familiare per i turisti che trascorrono qui la giornata.

Spiaggia di Mikri Vigla

Arriviamo al promontorio di Mikri Vigla, la spiaggia più nota di tutte le isole Greche per il kyte surf e il wind surf. Mikri Vigla non è proprio il posto dove passare una tranquilla giornata al mare, o meglio, nessuno te lo impedisce, ma è davvero il regno del vento e degli sport con tavola e vela. Ammirare la danza dei kayter è ormai un’attrazione turistica, una tappa panoramica indicata in tutte le guide turistiche di Naxos. Se sei un principiante o se vuoi imparare il kyte, questo è il posto giusto, non solo per le tantissime scuole con istruttori e attrezzatura di livello, ma soprattutto perché il vento qui tende sempre a riportarti verso la riva: per chi sta imparando è uno dei posti più sicuri dove farlo. La spiaggia è godibile, anche per gli accompagnatori: ampia, di sabbia bianca, con molti servizi. Il mare non aspettartelo placido.

Spiaggia di Moutsouna

Una spiaggia di sabbia con taverne sempre fornite del pescato del giorno, una vera delizia. Per il resto la natura regna sovrana e la presenza dei bagnanti non raggiunge mai livelli fastidiosi.

Spiaggia Psili Ammos

Spiaggia completamente deserta. Immersa nel verde dell’isola di Naxos, con le tipiche piante di cedro che crescono proprio sulla sabbia e lasciano ampi spazi di ombra dove godersi la brezzza marina. Aspettati di fare incontri insoliti, come sorprendere capre che pascolano liberamente o conigli selvatici.

Spiaggia Pyrgaki beach

La spiaggia di Pyrgaki ha un aspetto esotico: dune, rocce e cedri a pochi passi dal mare e tutto intorno una natura incontaminata. Ci sono alcuni bar nelle vicinanze, ma non direttamente sulla spiaggia. Porta con te tutto il necessario se vuoi rimanere tranquillo fino a tramonto.

Naxos è la più grande delle Cicladi. Molto più verdeggiante rispetto alle brulle isole dell’Egeo, ha rilievi nella zona interna che offrono possibilità di escursioni a piedi o a cavallo con percorsi più o meno impegnativi. Le attività che a Naxos potete aggiungere alla vacanza tutto sole e mare, sono tante. Immersioni, pesca subacquea, kyte surf e wind serf. Per gli appassionati d’arte e storia ci sono i siti archeologici e i famosi Kouros, colossali statue di marmo ritrovate sull’isola, templi, chiese bizantine e l’attrattiva più nota: la grande Portara. Tanti i paesini dell’entroterra da visitare per entrare in contatto con una realtà più autentica, meno turistica. Naxos è un’isola tutta da scoprire.

Monte Zas la grotta di Zeus

Per gli appassionati di trekking o di escursionismo vale la pena salire sul monte Zas, la cima più alta delle isole Cicladi. Il monte si trova a sud-est del villaggio di Filoti. Salendo lungo il pendio, a oltre la metà del cammino verso la cima incontrerete la grotta più grande dell’isola, dove la mitologia narra che Zeus sia stato nutrito da un’aquila.

Certamente abitata in epoca preistorica, la grotta è diventata altare di culto per Zeus. All’interno ammirerete numerose stalattiti e stalagmiti, mentre all’esterno si trova la piccola chiesa dedicata a Zoodochos Pigi (Ζωοδόχος Πηγή letteralmente la Vergine fonte di vita), costruita in epoca ottomana, quando la grotta ospitava i cristiani che qui venivano a rifugiarsi.

I templi di Naxos

Il tempio di Dioniso e il tempio di Demetra sono entrambi databili al VI sec. a.C. ed entrambi in stile ionico. Il tempio in onore di Dioniso si trova nel sito di Yria nel villaggio di Glinado (Γλινάδο), all’interno dell’isola e poco distante da Naxos città. Le rovine del sito mostrano le consuete sovrapposizioni di costruzioni, che nel tempo hanno sfruttato la preesistente struttura: un edificio di epoca romana e una chiesa paleocristiana.

Il tempio di Demetra è un vero splendore. Inserito in un contesto paesaggistico molto suggestivo, risulta ben conservato. Il sito archeologico di Gyroula (Εκκλησία Άγιος Ιωάννης Γυρούλας) nei pressi di Ano Sangri (Aνω Σαγκρί). Il tempio è ritenuto interessante dal punto di vista architettonico per la sua pianta quadrata con cinque colonne di fronte all’ingresso prncipale, una scelta insolita per un tempio. L’edificio ha subito nel corso dei secoli modifiche e ricostruzioni a seguito di crolli.

I Kouros

I leggendari Kouros di Naxos, tre colossali statue incomplete che si ipotizza rappresentino divinità dell’Olimpo. Uno dei tre giganti di pietra, si trova nella cava di marmo ormai abbandonata vicino Apollonas, a nord-est dell’isola, misura oltre 10 metri di altezza e si pensa sia Dioniso. Le altre due statue sono a Flerio, vicino Melanes, sono alte mediamente 5 metri. Preparatevi a fare una bella passeggiata lungo la collina.

Non si conosce l’esatto motivo per cui le abbiamo ritrovate abbandonate e incomplete. Forse la morte dei committenti o impedimenti di natura politica, o semplicemente a causa di danni durante la lavorazione. Per ammirare un Kouro finito e non solo abbozzato, il museo archeologico dell’isola di Thassos ne conserva una perfetto esempio, completo di testa e capelli.

Kyte surf e Wind surf

Naxos ha una delle baie più note a tutti i kyter: Mikri Vigla. Lunghissima spiaggia di sabbia bianca esposta ai “migliori venti”. La Grecia e soprattutto le isole dell’Egeo sono esposte a venti forti tutto l’anno. Il Meltemi è spesso l’incubo per tutti i vacanzieri che sognano tranquille giornate al mare mentre può diventare una benedizione per gli amanti di sport come il kyte o il wind surf. Mikri Vigla, sulla costa ovest, offre non solo grande spazio per il free style dei più esperti ma è allo stesso tempo sicura per i principianti, perché il vento soffia in modo che si è sempre riportati verso la riva.

Anche se non fai kyte ti consigliamo comunque di passare ad ammirare lo spettacolo degli aquiloni di Mikri Vigla. Il mare è di un turchese molto intenso, la sua lunga spiaggia bianca e i voli dei kyte ti regaleranno uno scenario diverso dal solito. Se poi hai voglia di provare a volare sulle onde, lì, come anche in diverse zone dell’isola, troverai scuole con i struttori e attrezzatura a noleggio per imparare.

Se preferisci il wind surf, alle spalle dell’aeroport e in prodìssimità del campeggio, trovi Flisvos Sport Club Lagun, con il Naxos Surf Club: il punto migliore dell’isola per questo sport.

Giro in barca

Naxos, abbiamo più volte ripetuto, è molto grande e a seconda del tempo che hai a disposizione potesti non riuscire a vedere tutte le spiagge da nord a sud. Un’escursione in barca, che comprenda anche i punti meno raggiungibili via terra, potrebbe essere una scelta perfetta per godersi una giornata tutta di mare.

La vicinanza delle Piccole Cicladi è un invito per andare a spasso in questo punto dell’Egeo. In agosto anche le piccole isole vicine saranno affollate, ma in barca si possono scegliere angoli meno frequentati. Le partenze avvengono generalmente dal porto di Naxos o dal porticciolo di Agios Anna.

Una bella opportunità sono le minicrocere di una giornata alle vicine Paros, Mikonos, Santorini, Delos. Puoi affidarti a una delle tante agenzie del posto oppure andare in autonomia con gli aliscafi delle linee che collegano tutti i giorni le isole.

Immersioni e snorkeling

I fondali sabbiosi di Naxos offrono un buon ambiente subacqueo per gli amanti dello snorkeling, ma anche per gli appassionati di relitti. Si tratta di due relitti di aerei precipitati durante la Seconda Guerra Mondiale. Il Beaufighter WW II Aircraft si trova a 34 metri di profondità: l’immersione è segnalata come difficoltosa e consigliata solo a sub esperti. L’altro relitto di Naxos è un aereo tedesco che giace a 22 metri dalla superficie con fusoliera e ali intatte, ma a testa in giù.

Le chiese bizantine

Di notevole pregio sono le numerose chiese in stile bizantino, che punteggiano tutta l’isola. Delle 500, ti segnaliamo alcune delle più belle e di interesse storico-artistico.

Panagia Drosiani, chiesa bizantina il cui nucleo centrale risale al 300 d.C. In seguito nel 700, sono state aggiunte le cappelle laterali. Nel 1200 circa ha assunto l’aspetto attuale, con la navata centrale che raccorda il nucleo del 300 con le cappelle laterali. Affreschi interni, sempre di stile bizantino, di pregevole fattura e discretamente conservati.

Agios Ioannis Theologos, bella chiesa in pietra al centro dell’isola (nel villaggio di Sagri).

Panaghia Protothroni è una delle chiese più antiche di Naxos. Si trova nel villaggio di Halki e si stima risalga al 1052 d.C. Sulle pareti interne, affreschi del X-XI e XIII secolo. Nata su l’impianto della chiesa paleocristiana a tre navate, nell’XI secolo è stata trasformata con l’attuale impianto cruciforme.

Spostamenti sull’isola di Naxos: come orientarsi tra noleggio, autobus e taxi

Naxos è molto grande e abitata tutto l’anno, dunque, ha una buona rete di autobus. Attenzione però agli orari: soprattutto per raggiungere i villaggi interni, non sono sempre favorevoli. C’è ovviamente la possibilità di noleggiare un’auto oppure uno scooter. Scegliere tra queste due opzioni dipende non solo dal budget, ma anche da quali spostamenti hai in programma.

Date le ampie distanze, se previ di girare tutta la costa ti consigliamo senz’altro l’auto. Potresti però decidere di noleggiare lo scooter per tutta la vacanza e dedicare 2/3 giorni a quelle spiagge o quei paesi più lontani, limitando il noleggio della macchina a pochi giorni. Tra i mezzi a noleggio c’è anche il quad, ma attenzione: il quad è un mezzo adatto a percorrere tratti sabbiosi e sull’asfalto è molto più instabile. Guidate, dunque, con la massima prudenza sulle strade, specie in prossimità di curve strette.

Sono disponibili anche i taxi e auto a noleggio con conducente per brevi spostamenti o se preferisci la comodità di questo tipo di servizio.

Spostarsi in autobus a Naxos

Partono per lo più dal piazzale davanti al porto. Da qui puoi raggiungere quasi ogni angolo dell’isola. Trovi orari dei bus e la rete degli spostamenti nelle tabelle esposte. Se ti sposterai sempre in bus appena arrivi al porto fai una foto di tutte le tabelle degli orari e delle tratte: non è detto che riuscirai a ritrovarle in giro. I ticket si aggirano attorno ai € 2,00 a corsa per persona. Informati dai baracchini al porto: puoi acquistare i biglietti prima o farli a bordo. chiedi agli autisti che spesso aspettano lì fuori per iniziare il turno.

La rete è ampia ma la frequenza di passaggio dei mezzi non sempre alta. Studiate bene gli orari di arrivo e partenza per pianificare al meglio la vostra vacanza. Sempre disponibile l’opzione di noleggio breve di uno scooter o di un’auto per i luoghi non raggiunti dai bus di linea. Ci sono anche le tantissime escursioni in barca per vedere le spiagge lontane tutte in una volta.

Spostarsi a Naxos via mare

I traghetti sono ottimi per visitare alcune spiagge in giornata se non vorrete usare l’automobile, che tuttavia è il mezzo più comodo per spostamenti in completa autonomia. Le partenze dal porto o dal porticciolo di Agios Anna.

Noleggio auto e scooter a Naxos

L’auto e’ forse il mezzo più consigliato per avere non solo una totale autonomia ma soprattutto per coprire lunghe distanze e arrivare in quei luoghi non raggiungibili né in scooter né in autobus, che ricordiamo non hanno sempre frequenza sufficiente da rinunciare ad un proprio mezzo. I prezzi in bassa stagione partono dai €/giorno 35,00, in alta stagione partono mediamente dai €/giorno 45,00.

Le agenzie di noleggio sono dislocate al porto ma anche all’interno della Chora e nei centri principali come Agios Anna o Agios Prokopios e Plaka.

Se siete giovani centauri non vi spanventerà certo spostarvi anche per lunghi tratti in scooter. L’opzione rimane valida comunque per avere una buona autonomia, seppur limitata dalle distanze. Troverai tantissimi rent sia vicino al porto che a Plaka e non di rado anche lungo le strade principali di collegamento tra centri abitati o negli stessi paesi. Scegli però una cilindrata almeno di 150 cc. I costi in bassa stagione partono mediamente da €/giorno 25,00 e da €/giorno 32,00 in alta stagione.

Clima Naxos: quando andare, temperature e precipitazioni

I periodi migliori per andare l’isola di a Naxos in Grecia sono di maggio fino a ottobre, quando c’è una temperatura een piacevole e a malapena precipitazioni. La temperatura media più alta in a Naxos sono 26°C in luglio e quella più bassa è di 14°C in gennaio.

Naxos ha il clima mediterraneo. Se vuoi sapere qual è la temperatura media in a Naxos o quando piove o nevica di più, puoi trovarlo rapidamente qui sotto. In questo modo sei ben preparato. I nostri dati climatici medi mensili si basano sui dati degli ultimi 30 anni.

DOVE DORMIRE

DOVE SI TROVA NAXOS